Tutti giù per terra

Mi viene in mente una cosa che mi raccontavano alle elementari, dunque, ci sono due topini che guardano il cielo in una notte d’estate. Passa un pipistrello e un topo dice all’altro: “Guarda un angelo!”. Dopo tutto questo tempo forse ho capito cosa voleva dire davvero quella storiella: vale a dire che per quanto schifo faccia la tua vita puoi comunque sognare d’avere un paio d’ali; solo che la parte più difficile rimane staccarsi da terra.

Immagine presa dal web

Buongiorno sonnolento

Immagine presa dal web

Stamattina non riesco a svegliarmi.

Ho già fatto il giro di mezza valle tra banca e supermercati, ma quella grande voglia di tornare a letto a dormire non mi è ancora passata.

Ho deciso di fare colazione (alle 11.26 del mattino) con te verde al bergamotto.

Magari mi da una botta di vita.

Domani mattina riprendo a lavorare e spero di essere più sveglia di adesso, altrimenti credo che non tirerò insieme chissà che.

Però questo giorno voglio ancora godermelo, come spero facciate voi.

Quindi buona giornata!

Buon inizio di settimana

Immagine presa dal web

E così è iniziata l’ultima settimana di questo mese di gennaio.

Non so a voi, ma a me, da quando ho riottenuto la libertà il 4 gennaio (che diventerà una data storica nel corso della mia vita), il tempo è volato via.

Forse è meglio così, lo scorso anno è stato lungo da affrontare.

Auguro a voi una buonissima giornata, un buon lavoro e anche un buon divertimento.

 

La speranza di Sophia – I colori della bellezza – Corina Bomann

Adoro i libri di Corina Bomann, da quando, in un autogrill, avevo visto L’isola delle farfalle.

Da quel giorno li ho letti tutti e li ho tutti apprezzati perché, secondo me, è una grande scrittrice.

Questo non è stato da meno e sto già aspettando con ansia il seguito.

Una ragazza, Sophia, viene cacciata di casa dopo essere rimasta incinta del suo professore universitario.

Verrà aiutata dalla sua migliore amica che la porterà con sé a Parigi.

Ma le cose non andranno bene come si aspettavano.

Sophia ha bisogno del permesso di soggiorno e di un permesso per poter lavorare e, in Francia, nel 1926, i tedeschi non sono visti di buon occhio e, soprattutto, lei aspetta un bambino.

Ma la forza di volontà di questa ragazza la porterà a tentare la fortuna presentando una crema, fatta da lei, che all’università di Berlino ha studiato chimica, ad un rinomato salone di bellezza parigino.

La fortuna girerà dalla sua parte e intraprenderà una carriera nel laboratorio di Helena Rubinstein a New York.

Ma, a un certo punto, le cose cambieranno.

Un libro veloce da leggere, leggero, un romanzo, però, ben scritto che ti lascia la voglia di continuare a leggere la storia…

Ma per il secondo capitolo dovrò attendere…

Immagine presa da Amazon

La speranza di Sophia – I colori della bellezza

di Corina Bomann

Editore: Giunti

Anno: 2020

Trama

Berlino, 1926. Sophia ha solo vent’anni ma la sua vita è già un cumulo di macerie: il suo primo amore è finito in uno scandalo, suo padre non vuole più vederla e lei non può più permettersi di studiare chimica all’università. Solo l’amica Henny, ballerina di cabaret, le rimane vicina e così Sophia decide di seguirla a Parigi, nella speranza di ricominciare da zero. Un giorno si imbatte nella scintillante vetrina del nuovo salone di bellezza di Helena Rubinstein, ambiziosa imprenditrice nel campo del make-up, il cui nome è sulla bocca di tutte le signore parigine. Sophia ha un’illuminazione: tenterà di creare una crema prodigiosa che stupisca Madame Rubinstein e la convinca ad assumerla nel suo laboratorio. Colpita dal talento di Sophia, Helena decide di offrirle un lavoro, purché sia disposta a seguirla nella sua sede di New York. In cambio le chiederà un prezzo molto alto da pagare: non sposarsi per almeno dieci anni, perché il matrimonio limita l’autonomia di una donna. Helena coinvolge Sophia nel suo grande progetto: realizzare una nuova linea di cosmetici per donne mature, che dovrà segnare la vittoria della bellezza sul tempo. E soprattutto il trionfo di Helena Rubinstein nell’agguerrita concorrenza con la rivale Elizabeth Arden. Ma New York è anche piena di tentazioni e Sophia, che credeva di aver chiuso con gli uomini, si troverà a lavorare con Darren O’Connor, designer dallo sguardo magnetico, che sembra mettere in crisi il solenne patto di fedeltà stretto con Helena…

Trama presa da Amazon (https://www.amazon.it/speranza-Sophia-colori-della-bellezza/dp/8809900820/ref=sr_1_1?adgrpid=107810130214&dchild=1&gclid=Cj0KCQiA0rSABhDlARIsAJtjfCfiazsgbs6xmL1QFDhHFxCqyVEDg7uyygEYzJ7b8zvoYrE4cXh5J5waAj6XEALw_wcB&hvadid=464174088139&hvdev=c&hvlocphy=20530&hvnetw=g&hvqmt=e&hvrand=12466483673074471731&hvtargid=kwd-967617036479&hydadcr=29064_1789396&keywords=la+speranza+di+sophia&qid=1611485058&sr=8-1&tag=slhyin-21)

Un sorriso dentro al pianto – Ornella Vanoni

Il 29 gennaio uscirà il nuovo album di Ornella Vanoni, “Unica”.

Il primo singolo estratto è “Un sorriso dentro al pianto”, che trovo fantastica.

Scritta da Francesco Gabbani, infatti si sente la sua mano in questa canzone.

C’è una cosa che adoro tanto di Ornella Vanoni (a parte il suo essere fuori dalle regole, il dire quello che pensa senza preoccuparsi delle conseguenze) ed è quel vibrato che ha nella voce alla fine delle parole.

L’ho sempre adorato ed è una cosa che, quando andavo a cantare al karaoke, le ho sempre invidiato.

Ho la passione per il cantautorato italiano e straniero, ma le voci della musica italiana, Vanoni e Mina in particolare, mi fanno venire la pelle d’oca.

Quindi ben vengano canzoni come questa e grande Ornella!

Buona domenica

Immagine presa dal web

La mia ultima domenica di riposo prima di riprendere (si spera) a lavorare.

Ne ho approfittato per andare avanti con il cartellone di benvenuto per la mia Nonna, per guardare un film intanto che facevo colazione e, adesso, sono qui ad augurarvi una buona giornata di festa.

Ieri, finalmente, ho passato un bel pomeriggio con la mia nipotina.

Accidenti quanto mi mancava passare così tanto tempo insieme.

Sono così affezionata a quella bambina che ogni giorno che passa diventa sempre più grande.

E quanto ho sofferto quando non ho potuto vederla per la quarantena obbligatoria.

Ma sembra che in questo nuovo anno le cose stiano migliorando.

Spero possa essere così anche per voi.

Un abbraccio a tutti e buona domenica!